• Eventi & avventure

    Cos’è e come funziona Society6

    13 Settembre, 2019

    Oggi ti spiego cos’è, come funziona e come si usa Society6, una piattaforma americana che si occupa di stampare grafiche e illustrazioni su oggetti di uso quotidiano, per conto di tanti artisti di tutto il mondo.

    Io l’ho usato molto all’inizio della mia attività quando ancora non avevo un mio shop. Poi l’ho svuotato e dimenticato a lungo, per poi rispolverarlo recentemente. Ma andiamo con ordine.

    COS’È SOCIETY6

    Cos’è Society6?

    Society6 è una piattaforma nata nel 2009 con sede a Santa Monica in California, che permette agli artisti di diffondere e vendere la propria arte. A più di 10 anni di distanza è ormai diventata una grande community in cui più di 300.000 artisti e grafici da oltre 160 paesi pubblicano ogni giorno i loro designs.

    Society6 è soprattutto un e-commerce: tutte le grafiche e i design pubblicati su Society6 diventano stampe, prodotti per la casa, articoli di cancelleria e molti altri oggetti di uso quotidiano. E tutto questo senza che l’artista debba spendere nulla di tasca propria anzi, guadagnandoci una commissione.

    COME FUNZIONA SOCIETY6

    Il loro motto è “designed by artists, made by us, just for you“, traduzione: disegnato dagli artisti, fatto da noi, solo per te. Ed è proprio quello che fanno.

    Society6 funziona in modo molto semplice: si crea un account, si caricano i design, si sceglie quali prodotti abilitare e si pubblica. Se e quando qualcuno acquisterà il tal prodotto stampato con quel determinato design, allora Society6 ne avvierà la produzione occupandosi di tutto: lo stamperà e lo spedirà all’acquirente.

    Per ogni oggetto venduto l’artista percepisce una commissione del 10%.

    In pratica l’artista mette solo il design, Society6 tutto il resto: la piattaforma e-commerce, i macchinari per la stampa, la fornitura dei prodotti da stampare e la logistica delle spedizioni.

    CHI PUÒ USARLO

    Society6 accetta tutti, non ci sono requisiti o selezioni, perciò chiunque può aprire un account e pubblicare il proprio lavoro: pittori, disegnatori, grafici, illustratori, fotografi. È un sito in inglese, quindi l’unico requisito semmai è conoscere la lingua.

    Una volta creato un account si caricano i vari artworks e si decide come renderli disponibili per la vendita al pubblico, ovvero quali prodotti abilitare. Ci sono artisti che attivano solo le stampe, chi sblocca tutti i prodotti; ci sono pattern, ritratti, foto di paesaggi, meme e illustrazioni di ogni tipo. Ce n’è davvero per tutti i gusti e le combinazioni di design/prodotto che si possono generare sono moltissime.

    Di regola ce n’è una sola ed è rispettare i copyright, quindi è vietato usare immagini e grafiche per le quali non si ha la totale proprietà intellettuale. Traduzione: carica solo cose tue, non rubare l’arte di altri e non usare design protetti da copyright come per esempio le grafiche di film famosi.

    COME FUNZIONANO I COPYRIGHT

    Society6 assicura che tutti i diritti e i copyrights degli artisti sono protetti. Nessun file viene divulgato a terzi e nessun design viene prodotto e venduto al di fuori della piattaforma, perciò tutto quello che noi carichiamo resta lì dentro ad esclusivo uso di Society6 nei termini che noi abbiamo accettato al momento della creazione dell’account.

    Questo significa che i nostri design saranno usati SOLO per stampare i prodotti che noi abbiamo reso disponibili, quando e se verranno acquistati, a fronte di una commissione.

    Ci sono disegni che ho scelto di non pubblicare mai su Society6, oppure di rimuoverli perché al momento preferisco essere io l’unica a venderli. Parlo per esempio di Lezioni di Anatomia, dei Paradossi, delle Metafore Animali, dei miei disegni a penna o del Cervello Labirinto.

    Quando ho scelto di pubblicare però mi sono sempre fidata in merito alla tutela degli artisti e del copyright: Society6 è una piattaforma gigante che fa dell’arte altrui il proprio guadagno, dubito fortemente che vogliano rischiare di perdere la fiducia di migliaia di artisti.

    Nel dubbio però includo sempre una mia firma nel file delle stampe in modo che non se ne vadano in giro per il mondo figlie di nessuno.

    COME SI USA SOCIETY6

    Si crea un account e poi si caricano disegni e grafiche per renderli acquistabili sotto forma di prodotti stampati. Ma come si fa?

    Dentro al proprio profilo c’è un pannello, chiamato Artist Studio, che è dove si fa l’upload dei designs. In questa pagina c’è la lista di tutti i formati e le dimensioni ottimali dei file, in alcuni casi si possono anche scaricare i template creati da Society6: basterà aprirli in Photoshop e inserire le nostre grafiche nelle misure già impostate da loro.

    Per ogni nuovo artwork si possono caricare fino a 8 diversi file in modo da avere delle grafiche adattabili a tutto. Questo perché su Society6 ci sono tantissimi prodotti e ciascuno ha dei requisiti di stampa diversi.

    Quando ho aperto il mio account molti anni fa era più laborioso, i prodotti disponibili erano meno ma per ciascuno andava caricato un diverso file manualmente. Oggi hanno semplificato molto l’interfaccia di upload, hanno raggruppato i prodotti con requisiti di stampa simili e soprattutto è possibile caricare in blocco tutte le grafiche che poi serviranno a generare i vari prodotti.

    COME PREPARARE I FILE

    Se hai guardato la lista avrai visto che è davvero lunghissima. La loro offerta di prodotti è sempre più ampia e ogni oggetto ha diversi requisiti di stampa perché per realizzarli usano materiali e macchinari differenti.

    Per non stare a impazzire, quello che loro stessi consigliano, è di creare per ogni design un set di file nelle dimensioni e orientamenti adatti a coprire e sbloccare in una volta sola tutti i loro prodotti:

    • orizzontale di 15000 x 9000 pixels
    • verticale 8000 x 12000 pixels
    • quadrato 12000 x 12000 pixels

    Tutti questi file devono avere almeno 300 dpi di risoluzione.

    Una volta creati questi file avrai quindi tre versioni del tuo design, e ogni versione sarà adatta per un diverso gruppo di prodotti. Society6 associa in modo automatico i file alle categorie di prodotto e genera delle preview, e poi manualmente si può abilitarli o disabilitarli, cambiare la posizione della grafica sull’oggetto e aumentare o diminuire la proporzione di stampa.

    A parole sembra complicato, ma basta smanettarci un po’ per prenderci la mano e capire come funziona.

    Society6 come caricare i file

    Society6 creare prodotti stampati

    QUALI PRODOTTI CI SONO SU SOCIETY6

    I prodotti di Society6 sono moltissimi, a partire dalle stampe che ormai spaziano da normali stampe su carta (con o senza cornice), alle stampe su legno, metallo, tela, arazzo, poster o carta da parati.

    Ci sono le decorazioni per la casa, come tende, tende da doccia, orologi, tappeti e tappetini, lenzuola, copri piumini, cuscini di varie forme e formati. Gli accessori da tavolo come sottobicchieri, tazze, vassoi, taglieri, porta-lattine, borracce, termos per il caffè.

    Poi sono i prodotti di cancelleria e tecnologia: quaderni, carta da regalo, biglietti e buste, adesivi, cover per cellulari, custodie per tablet e portatili. Infine ci sono i prodotti per lo sport e il tempo libero come magliette, felpe, leggins, borse, zaini, marsupi, tappetini per yoga.. addirittura sdraio e asciugamani da spiaggia.

    E la lista aumenterà di certo perché aggiungono nuovi tipi di prodotto in continuazione. Per ciascun prodotto si può scegliere manualmente se attivarlo o no.

    Per esperienza: gli ordini arrivano in Italia in circa due settimane, e i prodotti di Society6 sono davvero di buona qualità.

    Tutti i prodotti

    COME FUNZIONA IL PAGAMENTO SU SOCIETY6

    Society6 paga una volta al mese direttamente su un conto PayPal che va associato al momento della creazione dell’account.

    QUANTO SI GUADAGNA CON SOCIETY6

    Con gli oggetti poco: la percentuale per l’artista è del 10%.

    Society6 offre molto, in pratica un’intera catena gratuita di stampa, produzione e logistica. In cambio però ci guadagna il 90% sulla vendita dei prodotti stampati con i design degli artisti.

    Society6 paga all’artista una commissione del 10%. Questa percentuale di guadagno sui prodotti è fissa e uguale per tutti. Esempio pratico: su una cover per iPhone che costa 20$, l’artista ci guadagna circa 3€.

    È una percentuale piccola rispetto al valore di alcuni artworks, ma chiaramente dipende anche dalla legge dei piccoli numeri. Se si vendono centinaia di cose, alla fine del mese anche quei 3€ moltiplicati per tutti gli oggetti venduti possono fare una discreta cifra.

    Il problema è che vendere centinaia di prodotti al mese su Society6 è cosa di pochissimi artisti, soprattutto in Italia.

    IL MARGINE SULLE STAMPE

    Il discordo cambia un po’ se si tratta della categoria relativa alle stampe, tele, quadri incorniciati, pannelli e tutti i prodotti più artistici: è l’artista a decidere il markup (ovvero il margine, la percentuale per l’artista).

    Mentre la percentuale sui prodotti è fissa e uguale per tutti, quella sulle stampe si può modificare a piacimento. Alzare il markup però comporta chiaramente l’aumento del prezzo dell’articolo col rischio di scoraggiare l’acquisto.

    Io ho sempre lasciato il markup come da impostazione standard perché Society6 è pieno di cose fighissime e non credo abbia senso sparare rincari eccessivi, soprattutto se siamo pressoché sconosciuti. So di artisti che impostano un markup molto alto, ma si tratta di nomi famosi che se lo possono permettere.

    FARE O NON FARE SOCIETY6

    L’idea che mi sono fatta io dopo anni di utilizzo è che Society6 è molto utile per arrotondare, ma è davvero difficile si possa raggiungere un volume di vendite tale da pagarci lo stipendio mensile.

    Comunque mai dire mai: con un buon numero di bei design, la costanza di fare promozione, un discreto seguito e molta voglia di far community, è possibile arrivare a farlo funzionare bene.

    Percentuali di guadagno sulle stampe

    IL MIO VECCHIO SOCIETY6

    Il mio negozio su Society6 risale al 2013 quando non avevo ancora uno shop su Etsy, ma avevo già un bel po’ di disegni realizzati. Le persone iniziavano a chiedermi se era possibile acquistare delle stampe perciò ho provato questa piattaforma per dare la possibilità di acquistare qualcosa di mio.

    C’erano i disegni di Lezioni di Anatomia, i Paradossi e molte delle mie ragazze. Quando ho avviato la mia produzione di stampe e ho aperto il mio shop ho comunque tenuto Society6 attivo, come cosa in più. Poi durante la primavera 2020 – quella del primo lockdown per il Covid-19 – ho deciso di svuotarlo completamente.

    Non mi interessava più vendere certi tipi di prodotti e poi, per quanto alcuni miei disegni siano senza età, mi sembrava che la mia vetrina su Society6 fosse ferma al passato. Avevo bisogno di fare pulizia e lasciar entrare aria nuova.

    IL MIO NUOVO SOCIETY6

    L’aria nuova è arrivata con le Ragazze Fiorite, un progetto molto importante di cui ho parlato in questo post.

    Per il momento ho deciso di non fare delle stampe cartacee di questa serie, perciò le ho usate per rispolverare il mio Society6 così chi le vuole può acquistarle lì. Per ora ci sono solo loro e i loro pattern, magari nel tempo aggiungerò altro. Se vuoi visitarlo, il mio Society6 shop è qui.

    Purtroppo avendolo svuotato recentemente ho perso tutti i like e la popolarità che i miei artworks avevano guadagnato in quasi 10 anni. Ma del resto ormai ho un vero shop che gestisco direttamente, e non ho più tempo da dedicare a Society6.

    Ci sono i miei disegni originali, tante stampe e gioielli che creo a mano con miniature delle mie illustrazioni: fai un giro nel mio shop

    Prodotti-fioriti-su-Society6

    Prodotti-fioriti-su-Society6

    Prodotti-fioriti-su-Society6

    Prodotti-fioriti-su-Society6

    Spero che questo articolo ti sia stato utile, io ti saluto con questa foto di me con la maglietta del torace che avevo fatto stampare proprio su society6.

    Saraelan illustration foto con maglietta con torace

    Se ti piace quel che faccio, segui il mio lavoro su Instagram e Facebook
    Se invece sei capitato qua per caso e vuoi conoscermi meglio, inizia da qui